Mi è venuto da disegnare una mano tesa, come quella del ragazzo di Terra mia, lì a mostrare un pugnetto di terra, la mia terra, la sua. Quella terra che ha davvero reso di mille colori, ma di colori mai visti, non quelli stampati sulle cartoline, che ci appicichi dietro un francobollo e ci scrivi quanto è bella Napoli e pizza, sole, mandolino, panni stesi, sfogliatelle, caffè del Professore, pastiera, tarantelle e ‘o sole mio sta ‘nfronte a te.

L’ha resa di mille colori come qualcuno che ha ridato la giusta vista a un daltonico, come quell’ottico che qualcuno cantava, o forse, semplicemente, come chi a quella cartolina, che sì, bella è bella, ha dato pure un’anima.

E di tutte le tarantelle, quelle della vita, che è meglio cantarci su.

A Pino Daniele, all’alleria, alla notte che se ne va, all’acqua che te ‘nfonne, a nuje che simm’ lazzari felici, gente che nun trova cchiù pace, ma cercate ‘e ce capì.